mercoledì 14 settembre 2016

Mysteri colorati


Oggi, dopo le 18, accendo la radio sintonizzata su Radio 2 e ascolto una voce che, con toni  melodrammatici, declama più o meno le seguenti parole:


Preparatevi ad affrontare civiltà scomparse, edifici impossibili, oggetti enigmatici, presenze inquietanti

Ho avuto il dubbio che si trattasse di uno dei geniali trailer di film impossibili realizzati da 610.
Invece no. Stavo ascoltando una pubblicità reale di un'iniziativa fumettistica molto interessante: la ristampa a colori delle avventure di Martin Mystère, il personaggio ideato da quel fumettista vulcanico che risponde al nome di Alfredo Castelli.
Consiglio a chi ancora non conosce questo fumetto, di catapultarsi domani, giovedì 15 settembre, in edicola per acquistare la prima delle venti uscite settimanali di cui si compone questa iniziativa editoriale a cura del gruppo La Repubblica - L'Espresso.
Il motivo è semplice. Più di 30 anni fa, nell'aprile del 1982, la Sergio Bonelli Editore propone questo nuova serie d’avventura che ha come oggetto temi misteriosi, scientificamente e storicamente ben documentati, affrontati dal protagonista nel presente. Realizza così un’attualizzazione dell’avventura che rivoluziona le sorti della casa editrice milanese, aprendo la strada a tutte le serie successive. E questa collezione storica a colori presenta in ordine cronologico due/tre storie originali per volume. In pratica buona parte delle migliori avventure del Detective dell'Impossibile, con tanto di ricco apparato redazionale.
Su Martin Mystère ho trascorso molte ore divertenti e interessanti, imparando quasi sempre qualcosa, perché Castelli riesce a presentare in modo intelligente, e tale da stimolare la curiosità del lettore, argomenti anche complessi. E si capisce, fra le righe, che anche lui, in fase di scrittura e, prima, di documentazione si è divertito a scoprire e poi a trasmettere al lettore fatti, persone o vicende nuove e stimolanti.

6 commenti:

  1. Ti ricordi quando eravamo "piccoli" e venivo a casa tua e ti saccheggiavo? :D

    RispondiElimina
  2. Ero interessato all'iniziativa, contando sul fatto che l'annunciato numero variabile di pagine per volume permettesse agli stessi di contenere storie intere. Invece, quando ho sfogliato il n° 1 trovato in edicola sotto casa, alla fine dell'ultima vignetta non ho letto "Fine" ma "Continua", per cui ho preferito rinunciare all'interessante ristampa perché 7,90€ per un volume neppure autonomo non mi pare corretto proporlo al pubblico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti mi sembra una stupidaggine...

      Elimina
    2. Più che altro il numero diverso di pagine! Boh!

      Elimina
  3. Chissà se Castelli avrà fatto qualche ulteriore ritocco ancor più che nel tutto! XD
    Quando sfogliavo il giornale della SBE e mi capitava MM rimanevo un po stranito. Mi dava l' aria di una serie bizzarra stile DD! XD Però poi m' incuriosì e presi "Il sarcofago di pietra", dandogli però solo qualche occhiata! La storia non mi prendeva tanto.
    Recuperando un po di Zagor degli anni 80 vedevo affascinato le pubblicità dell' allora neonata serie, però rimanevo titubante.
    Qualche anno fa ne ho letto qualche storia. Se "Un vampiro a New York" mi aveva esaltato, anticipando pure tra l' altro la formula vincente di DD in parte, "Viaggio nel futuro" mi aveva lasciato un po stranito, visto pure la battaglia finale! XD Piaciuti invece il numero 1, "Il teschio del destino" e "La fonte della giovinezza". L' ho ripreso però solo in mano di recente... mamma mia! All' inizio leggevo storie un po a caso, ma mi sono accorto che IBVZM ha una continuity serrata e quindi mi trovavo riferimento e collegamenti a iosa! XD
    La grande trama atlantidea dei primi 60 e passa volumi mi ha esaltato con le avventure, seppur con qualche finale un po così, che trovavo quasi tutte avvincenti. Certo, c' era qualche lettura anche estenuante! XD Vedi "Sangue a chinatown" con tutti quei dialoghi didattici! XD Però anche grande avventura con "La città delle ombre diafane" e "Il risveglio del dinosauro".
    Degli anni 80 le uniche storie secondo me tutt' altro che esaltanti sono "Operazione arca", che vale giusto per la descrizione della situazione turco-armena, avventura veramente minimale e tirata via, "Le pista di Nazca", piuttosto sgombinata", e "Il signore delle tenebre", che parte bene, ma ha un finale tirano via in stile Castelli del periodo XD!
    Con gli anni 90 le cose iniziano a farsi un po così a quanto ho letto. Dopo le prime due grandi storie, Mister Jinx è antagonista di una storiaccia in cui m' è parso che Castelli volesse fare il verso a Sclavi, riuscendoci però malissimo. Abbiamo anche la surreale e scombinata "Neve d' agosto" e si tocca il fondo con "I prigionieri del cyberspazio" e "La biblioteca dimenticata". Meno male che ci sono storie come "Il segreto di San Nicola", quello di Puncinella, "Il teatro della memoria" ed altre! Tra cui anche "La regina di Saba", che ho recuperato in toto! Bello ed affascinante esordio del compianto Morales ai testi che però poi comincerà a mettere qua e la da parte la componente misteriosa per imbastire più thriller e racconti intimisti.
    Un' altra "chicca" è "Il signore del Nilo", astrusa e con personaggi buttati a casaccio nella vicenda! Spunto di Belzoni più sprecato che mai! Questo e quello della Biblioteca di Alessandria credo si meritino la palma d' oro per lo spunto più sprecato! Mah! Tra alcune belle storie, altre comunque godibili e dei veri e propri flop arriviamo al discusso ciclo del countdown che, seppur troppo diluito (non era meglio farlo uscire nel corso di un anno invece che di quasi due?), mi è piaciuto. Sono arrivato al 2004 e li la serie dopo il 2000, pur con qualche chicca come "Martin Mystere uomo in ero", "La grande truffa", "Il giorno che non esisteva", "I tecnomanti", "L' ira di Loki" e "Il destino di Annabelle Lee", effettivamente come fatto notare da altri comincia a denotare veramente segni di stanchezza! Inevitabile l' anno dopo la svolta bimestrale che ha ridato fiato.
    Un discorso a parte merita "Il presagio". Uno dei racconti più affascinanti che abbia mai letto! Che atmosfere!

    Frase simbolo a mio avviso: "... estrae un' arma dalla FOGGIA INUSITATA"! XD

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...